bianchi e non bianco


 

Dopo aver scritto (ormai mesi fa) un posto "non per forza bianco", oggi aggiungo il micro post sul bianco. Mi trovo a definire gli ultimi dettagli di un progetto preliminare con stime costo un sabato mattina al'alba...  lavorar su misure, equilibri di budget e sulle sfumature del bianco in relazione con la luce naturale di un ambiente.


Questioni di bianchi, neutri e parenti stretti del bianco..

Si, lo so, sembra una battuta sugli architetti:passare delle ore di lavoro a ragionar di bianchi e sfumature...

Ma le scelte professionalli fatte su un interno durano anni e influenzeranno la percezione della luce, dello spazio, l' umore e la voglia di freuentare o meno un angolo della casa e il modo di usare il suddetto angolo, degli abitanti o fruitori di quello spazio, 

posso affermare grazie allo studio e all'esperienza che un diverso "bianco" e la sua relazione con altri colori o con altri "bianchi" applicati a diverse superfici e materiali sono una questione che ha il suo rilievo quanto una corretta valutazione di aspetti tecnici considerati di ordine più pratico-rilevante.

Non per niente la questione dei colori è una questione tecnico-percettiva.

 

Ma ecco alcuni consigli: il bianco sulla parete di fronte alla finestre riflette e amplifica la luce, su un muro, con una finitura semilucida ininterrotta (se non per spot) o a correre sulla superficie di un arredo orizzontale "tira"la luce fino in fondo ad una stanza che si sviluppa in lunghezza (a quel punto il problema sarà rendere meno "corridoio" la stanza). Un pavimento bianco può allo stesso modo distribuire bene la luce ma occhio alla disposizione dei mobili a questo punto e alla loro dimensione e forma.

 

Veniamo al "total look" bianco, regolina importante: mai total look bianco in un interno che debba privilegiare la luce artificiale, tende ad appiattire il tutto, per farlo dovrete essere sensibili accostatori di  bianchi e colore ed impegnarvi con l'uso creativo delle luci e con le diverse temperature di luce.

Mai total look bianco in interni troppo minimal e monotoni nelle texture superficiali. I bianchi vano mixati e devono poter "vibrare" su diverse superfici.


Ah dimenticavo: quando guardate le fotografie di un interno total white di una rivista o nel web, ricordate che hanno aspettato ore per avere la luce corretta, hanno sistemato con tecnica e arte proiettori di potenza e diffusori, e con tutta probabilità si trattava di un interno già esposto ad una condizione di luce ambientale favorevole per la valorizzazione del bianco.

Nonostante ciò il total look bianco è possibile e può rimanere affascinante.

Da realizzare con cura. Buona giornata.