Perchè un blog qui e su questo argomento?

Fonte immagine: utrip.com

C'era proprio bisogno di questo blog?

 

Ecco, non risolverà questioni fondamentali di stampo internazionale o di salute,

 

ma magari tra i consigli che darò, o tra le storie di trasformazione degli ambienti che racconterò, troverete spunti per facilitare la vendita della vostra casa, oppure per risolvere alcuni aspetti organizzativi, o ancora per creare buona socialità ed atmosfera negli spazi esterni.

Inoltre sono convinta che non di solo pragmatismo si viva, quindi magari vi farà piacere trovare un po' di street art e considerazioni botaniche anche prettamente compositive.

 

Uno dei motivi per cui ha senso che ogni tanto pubblichi delle informazioni  tramite il blog o il profilo facebook ad esso legato: in questo sito web, illustro che tipo di servizio posso offrire e con quale approccio, quindi ha senso che vi comunichi qualcosa sul metodo con cui compio delle scelte e quale metodo di lavoro adotto, oppure il mio punto di vista sui diversi temi affrontati.

 

 

Il motivo per cui ho attivato questo servizio è la possibilità  di mettere al servizio di altre persone le mie competenze ed esperienza: competenze nella gestione di tutte le componenti che rendono uno spazio, un ambiente con una certa  funzionalità e atmosfera, consigliare materiali in base all'impatto sulla salute, aumentare il senso di benessere nella vita quotidiana in un ambiente di vita e lavoro, realizzare trasformazioni senza eccessive spese, mettere in risalto l'offerta commerciale negli ambienti commerciali, rappresentare la professionalità di chi occupa uno studio o ufficio...).

 

Ulteriore motivo per cui scelgo questo lavoro, e decido di renderne pubblici alcuni aspetti è l'aspetto sociale ed ecologico: a volte per risolvere un problema di mancata funzionalità o insoddisfazione per lo stato di un ambiente di vita o lavoro, tendiamo ad acquistare oggetti: oggetti di arredo o di decoro, spese di molto superiori al necessario a volte, che non risolvono la situazione...  e poco dopo l'acquisto gli oggetti e arredi mal “pensati” sono in prima linea sulla via della discarica.

Sono convinta che si possa spendere magari la stessa cifra, magari meno, o a volte un po' più, per raggiungere un risultato più efficace, evitando sprechi di tempo, materiali, soldi ed energie.

 

Mi piacerebbe aiutare ad evitare questo tipo di spreco economico, energetico ed ecologico proponendo azioni mirate di intervento, e dare spunti anche in questi posts.

 

Credo che ci sia un ulteriore modo per aumentare il proprio benessere negli ambienti, passa attraverso la capacità di liberarsi dall'insoddisfazione per senso di disordine, che a volte è per buona parte causato dalle immagini di alcune riviste che colonizzano il nostro immaginario.

Saper "leggere" un ambiente aiuta a liberarsi dei falsi miti di ordine, sviluppando sicurezza e stabilità nelle proprie scelte di allestimento e gestione.

 

Buona lettura.